Riflessione sul Vangelo di domenica 22 novembre

XXXIV Domenica del Tempo Ordinario “Cristo Re” – 22 Novembre 2015

Dal Vangelo secondo Giovanni (18,33b-37)

In quel tempo, Pilato disse a Gesù: «Sei tu il re dei Giudei?». Gesù rispose: «Dici questo da te, oppure altri ti hanno parlato di me?». Pilato disse: «Sono forse io Giudeo? La tua gente e i capi dei sacerdoti ti hanno consegnato a me. Che cosa hai fatto?».
Rispose Gesù: «Il mio regno non è di questo mondo; se il mio regno fosse di questo mondo, i miei servitori avrebbero combattuto perché non fossi consegnato ai Giudei; ma il mio regno non è di quaggiù».
Allora Pilato gli disse: «Dunque tu sei re?». Rispose Gesù: «Tu lo dici: io sono re. Per questo io sono nato e per questo sono venuto nel mondo: per dare testimonianza alla verità. Chiunque è dalla verità, ascolta la mia voce».

Parola del Signore

Riflessione
di Giusy Vitale 

Oggi celebriamo la festività di Nostro Signore Gesù Cristo, Re dellʼUniverso. Il brano odierno ci porta a riflettere sul dialogo che avviene tra Pilato e Gesù, prima di essere condannato a morte: da lì a poco sarebbe stato flagellato, coronato di spine e crocifisso. Ha pagato con la Croce il suo Amore per ciascuno di noi.
Gesù, il Figlio di Dio venuto per salvarci, viene consegnato come un malfattore a Pilato, per essere crocifisso. Eppure è stato tra la sua gente a guarire malattie fisiche e spirituali, scacciare i demoni, sollevare i miseri, a dare dignità agli ultimi, anzi a metterli al primo posto nella scala dei valori sociali e umani ed è per questo che viene consegnato per essere “tolto di mezzo”, perché troppo ingombrante!
Pilato dice: “La tua gente Ti ha consegnato a me”, cioè chi ti sta vicino, i tuoi stessi fratelli, coloro che hanno vissuto con Te. Come sono tristi queste
parole, pur sempre attuali. Anche ai nostri giorni, siamo sempre pronti a togliere di mezzo anche solo con la calunnia e lʼostilità, coloro dei quali non
condividiamo le idee o il modo di vivere.
Dove sta lʼAmore cristiano? La risposta di Gesù a Pilato dovrebbe essere condivisa da ogni cristiano: “Il mio Regno non è di questo mondo”. “Il nostro Regno non è di questo mondo”.
Il Signore ci chiama ad andare contro corrente, a non sposare la logica di questo mondo, la cultura dello “scarto” di cui parla tanto papa Francesco.
Il Regno di Gesù è un regno di Pace, Amore, Giustizia e Verità.
Dobbiamo spogliarci della vanagloria, dellʼorgoglio, della superbia, dellʼegoismo; con umiltà e con impegno prendere coscienza del nostro essere cristiani, perché siamo responsabili verso i più deboli. Senza ritenerci migliori degli altri, essere testimoni della nostra Fede, di ciò che veramente crediamo e donare Misericordia. Gesù nella Tua Festa, vogliamo ringraziarti, donarti il nostro cuore, per essere Tu il centro della nostra vita e risorgere con Te!

Per scaricare in PDF “Spada a due tagli per i Decollati” CLICCA QUI

Lascia un commento

Print your evento